Nota: Queste istruzioni si applicano all'importazione e alla rimozione di PdI personali, nei soli dispositivi Android e per qualunque versione di CoPilot (vedere qui per i dispositivi iOS).

E’ possibile importare PDI personalizzati in CoPilot partendo da un database di PDI in formato .OV2 o .CSV, come quelli disponibili su pocketgpsworld.com o poihandler.com.

E’ possibile associare delle immagini alle nuove categorie di PDI personalizzati. Le immagini devono chiamarsi con lo stesso identico nome del PDI presente nel file .OV2 o .CSV, avere estensione .PNG ed essere 22x22 pixel.

Se si utilizzano PDI personalizzati in formato .CSV, è necessario che le intestazioni delle colonne siano rispettivamente:
- Long o Longitudine
- Lat o Latitudine
- Name
Si ricorda che ogni PDI nel file .CSV deve avere almeno una Longitudine, una Latitudine e un Nome per poter essere importato in CoPilot.

All’avvio di CoPilot, la funzione di import riconoscerà i PDI che hanno Longitudine, Latitudine e Nome uguali e non li aggiornerà. Se il Nome è diverso ma la Longitudine e la Latitudine sono le stesse allora verrà creato un duplicato a meno che non si elimini prima il PDI esistente. Se il Nome rimane uguale ma la Longitudine e la Latitudine cambiano, allora verrà creato un duplicato.

Le istruzioni per l’import sono le seguenti:

1) Connettere il dispositivo al PC (per alcuni dispositivi Android potrebbe essere necessario abilitare la modalità di memoria di massa USB)

2) Andare nella cartella Save di CoPilot com.alk.copilot.mapviewer

3) Copiare i file .OV2 o .CSV ed eventuali imagini .PNG all’interno della cartella contenente le mappe (facendo attenzione a copiare un file alla volta) e cioe':

  • NA/save (per le mappe del Nord America),
  • EU/save (per mappe Europa),
  • SA/save (per Sud America),
  • OC/save (per Australia),
  • ME/save (per Medio Oriente),
  • AS/save e SEA/save (for mappe dell'Asia), 
  • AF/save (Africa)

4) disconnettere il dispositivo una volta terminato tramite la funzione “Rimozione sicura dell’hardware”.


5) Al primo avvio di CoPilot apparirà subito l’avviso “Rilevato nuovo set PDI” e verranno mostrate una alla volta le categorie di PDI che si stanno importando. Cliccare sulla freccia in alto a destra e scegliere la categoria di appartenenza dei PDI. E’ possibile scegliere una categoria già esistente o selezionare “Nuova Categoria” per aggiungerne una nuova. Inserire un nome e andare avanti. Scegliere l’immagine per i PDI personalizzati e cliccare sulla freccia in alto a destra.

6) Rispondere “No” alla domanda “Vuoi importare i dati autovelox”? (a meno che si desideri importarli) e andare avanti. A questo punto dovrebbero venire imporati tutti i PDI personalizzati. Le nuove categorie dei PDI personalizzati saranno visibili insieme alle altre e sarà possibile renderle visibili o meno in OPZIONI > DISPLAY DELLA MAPPA > MOSTRA PDI SULLA MAPPA > PDI ATTUALMENTE MOSTRATI (le stesse impostazioni valgono per MOSTRA AVVISI PDI).


Come rimuovere PdI personali

I punti d'interesse personalizzati possono essere rimossi in due modi:

  • Se una nuova categoria di PdI venne creata durante l'importazione:
  1. Andare alla cartella com.alk.copilot.*saveuser_places
  2. Rimuovere la cartella col nome della categoria dei PdI personalizzati
  3. Andare alla cartella com.alk.copilot.*save
  4. Cancellare l'icona che venne aggiunta per distinguere i PdI personali
  • Se i PdI vennero aggiunti ad una categoria di PdI già esistente in CoPilot:
  1. Aggiornare i PdI non appena un aggiornamento diviene disponibile; oppure
  2. Rimuovere completamente CoPilot dal dispositivo e installarlo di nuovo.
  3. Ciò riporterà il software allo stato di partenza.